Cerca sul sito:

OndaCalabra.it

arte, cultura, musica e spettacolo in Calabria ...

SUPPLEMENTI:  CalabriaLiving.it

“Slow Festival elogio alla lentezza – per essere felici” Sila e dintorni dal 22 agosto al 1 settembre 2012

Questo post è stato letto 122 volte!

Share Button

Ecco il programma dell’edizione 2012 di “Slow Festival elogio alla lentezza”
…vi aspettiamo numerosi

È ufficiale il programma dell’edizione 2012 di “Slow Festival elogio alla lentezza”. L’evento ideato ed organizzato da L’Officina delle Idee, che s’inserisce nell’articolato programma di Transumanze Sila Festival proposto dalla Provincia di Cosenza, suggerisce anche quest’anno diversi spunti di riflessione attraverso tematiche che toccano vari settori: dalla cultura al turismo, dalla medicina al benessere, dalla scrittura alla lettura; dalla fotografia al video.
Il programma, sviluppato sotto l’attenta e dinamica direzione artistica di Antonio Blandi e Raffaele Riga, si snoda lungo una serie di interessanti appuntamenti che vanno dal 22 agosto al primo di settembre. Attraverso le mostre fotografiche, i libri, le tavole rotonde, i documentari, le degustazioni guidate, le attività esperienziali di yoga, sciamanesimo, ayurveda, pilates e slow trekking, i momenti di approfondimento su scrittura, fotografia e video nonché grazie alle testimonianze dei numerosi ospiti del Festival si accompagnerà il pubblico in un percorso intellettuale, culturale e sensoriale teso a promuovere approcci comportamentali buoni, giusti e puliti. Un percorso, dunque, di conoscenza, di arricchimento e perché no di puro piacere.

Il programma entra subito nel vivo nella prima giornata, mercoledì 22 agosto a Lorica, con l’inaugurazione della mostra fotografica di Antonio Mancuso, direttore artistico della UIF (Unione Italiana Fotoamatori) dal titolo “Distinguiti non estinguerli. Colture, culture, tradizioni”e della mostra “Il sale della vita” con foto di: Marta Cassano, Mirko Giordano, Andrea Lo Bianco, Salvatore Minervino, Simona Palma, Simone Provenzano, Emanuele Santoro.
Del resto la scelta di Slow Festival, fin dalla prima edizione, è stata quella di raccontare la realtà non soltanto attraverso le conferenze, ma dando il giusto spazio anche alle immagini ed alla loro forza evocativa. A tal proposito vogliamo sottolineare come la FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) ha voluto accordare, anche quest’anno, il suo riconoscimento ufficiale alla manifestazione.
A questo momento farà seguito, sempre nella stessa giornata alle ore 18.00, la tavola rotonda dal tema “Easy tourism. Un progetto per il turismo accessibile nella provincia di Cosenza” che si propone come momento di start up del progetto nato con lo scopo di elaborare, attuare ed incoraggiare politiche ed azioni di sensibilizzazione e promozione tese a consentire l’accessibilità del patrimonio turistico anche a soggetti con abilità differenti. Nell’occasione s’incontreranno rappresentanti istituzionali di Enti e di Parchi, associazioni del settore, professori universitari e soggetti appartenenti a varie associazioni del mondo del volontariato che hanno già aderito all’iniziativa.

Il 24 agosto è prevista la prima giornata di attività esperienziali proposte nell’ambito della sezione “Sila Naturalmente Benessere”, ideata dagli organizzatori del festival come un contenitore di attività sia fisiche che meditative che hanno nella natura e nel suo rispetto il comune denominatore e che perciò si svolgeranno nell’incantevole scenario naturalistico dell’altipiano silano. Nel programma sono previsti in totale quattro appuntamenti dedicati a questi temi; il primo, come già detto, si svolgerà il 24 agosto, il secondo a seguire il 25 agosto, il terzo nella giornata del 26 agosto ed infine si concluderà il primo di settembre.
Gli incontri pratici esperienziali saranno tenuti da Marcello Aragona, medico oncologo, psicoterapeuta transpersonale e da Stefania Panetta, biologa operatrice ayurveda e hanno come titolo “Slow-stress e qualità della vita: dalla fisica quantistica alle antiche tradizioni sciamaniche una guida per la salute fisica, emozionale, mentale, spirituale”.
Gli incontri di yoga saranno tenuti da Fulvio Pietramala, medico e maestro yoga e da Francesca Tassone, neuropsicomotricista dell’età evolutiva ed esperta yoga.
Gli incontri di pilates saranno tenuti da Iria Gabriele laureata in Scienze Motorie ed insegnante CovaTech Pilates.

Sempre nella giornata del 24 agosto comincia un’altra delle iniziative in programma nell’ambito della sezione del festival dal titolo “Officina degli Scrittori, Scuola estiva del racconto di viaggio”. In continuità con l’esperienza della scorsa edizione, durante la quale si erano già tenuti dei laboratori sulla fotografia, sulla scrittura e sul video, anche quest’anno si è voluto fortemente riproporre questo momento di approfondimento, visto anche l’ottimo riscontro di interesse e partecipazione che l’iniziativa ha raccolto.
In questa edizione del festival le attività sono state raccolte in una forma ancora più organica dando vita così alla scuola estiva del racconto di viaggio che si propone come un appuntamento culturale unico nel panorama calabrese teso a diventare punto di riferimento per l’incontro, il confronto e l’approfondimento delle attività espressive quali la fotografia, la scrittura, il video intese non solo come forme artistiche, ma anche come mezzi per incentivare la promozione del territorio.
Quest’anno, in particolare, i lavori della scuola del racconto di viaggio saranno finalizzati alla realizzazione del progetto “Viaggiatori narranti” storytelling nella provincia di Cosenza che vedrà gli allievi della scuola impegnati nell’esecuzione di opere che oltre a proporre belle storie, raccontino e promuovano il territorio provinciale.

La giornata del 25 agosto propone al pubblico un’altra occasione di riflessione con una tavola rotonda il cui tema è il viaggio di scoperta visto appunto con gli occhi dei “Viaggiatori narranti” come recita lo stesso titolo. La presenza di vari e titolati relatori: da scrittori ad editori, da fotografi a documentaristi, da giornalisti a docenti garantirà la possibilità di trattare la tematica sotto diversi punti di vista. A concludere la serata sarà la consegna del “Premio al giornalismo di viaggio” alla trasmissione televisiva “Alle Falde del Kilimangiaro”.

Il 28 agosto è la volta di “Distinguiti non estinguerli” workshop a cura di Slow Food che riguarda i presidi e le comunità del cibo, le esperienze calabresi in itinere e potenzialità future e sempre nella stessa giornata si terrà una tavola rotonda sulla salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione dei territori attraverso le sue eccellenze. Nell’occasione sarà presentato ufficialmente il nuovo presidio Slow Food “bovino podolico calabrese” un risultato che premia gli sforzi congiunti di enti e di associazioni di categoria che hanno fortemente voluto il raggiungimento di questo importante traguardo.

Il 31 agosto si tornerà a discutere di benessere e più precisamente di salute con la tavola rotonda dal titolo “Slow Medicine” per una medicina senza sprechi, rispettosa e di buona qualità per tutti; un’iniziativa, questa, accolta positivamente dall’Ordine dei Medici della Provincia di Cosenza che sarà rappresentato nell’occasione dal suo Presidente, il prof. Eugenio Corcioni.

A concludere questa veloce presentazione della seconda edizione dello “Slow Festival” è un’altra interessante iniziativa riguardante la presentazione di alcuni libri di autori calabresi, voluta dagli organizzatori sempre nell’ottica di valorizzare e di far conoscere la ricchezza del nostro territorio anche in termini di cultura. Gli appuntamenti in programma, ai quali saranno presenti ovviamente gli autori, sono tre.
Si parte il 26 agosto con “Books on the road” che vede come protagonisti: Giuliano Santoro ed il libro “Su due libri” e Mauro Minervino con “Statale 18″; si prosegue il 31 agosto con “Books of the sense” con Anna Lauria ed il libro “Sfiorami” e si conclude il primo di settembre con “Books of the taste” con il libro “Intorno a Ferrocinto, i grandi vini della DOP terre di Cosenza incontrano l’alta ristorazione calabrese” di Giovanni Gagliardi e Paolo Marchionni ed il libro “Il pane. Fragranti pensieri e visioni” primo esempio di social book calabrese scritto da diversi autori e corredato da intense immagini fotografiche.

Infine a solleticare i sensi del pubblico che vorrà partecipare alle varie iniziative, dopo averne arricchito lo spirito, si svolgeranno alcuni momenti di degustazione con brindisi alla felicità con la partecipazione di Walter Cricrì (Direttore INAP Istituto Nazionale Assaggiatori Pane) e di Mario Reda (assaggiatore ONAV Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino).

Gli incontri in programma sono tutti gratuiti, tuttavia è opportuno ricordare a quanti vogliano partecipare alle iniziative inserite nelle sezioni “Sila Naturalmente Benessere” e “Officina degli Scrittori. Scuola estiva del racconto di viaggio” che è indispensabile, per ovvie esigenze organizzative, inviare una mail al seguente indirizzo info@slowfestival.it nel più breve tempo possibile.

Ufficio Stampa
Slow Festival

Share Button

Potrebbero interessarti anche: